top of page

PCOS

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo endocrino più comune nelle giovani donne in età riproduttiva. E’ una malattia multifattoriale, caratterizzata da una combinazione di diverse caratteristiche:

- Cliniche: anovulazione (irregolarità del ciclo mestruale, oligomenorrea, amenorrea)

- Biochimiche: iperandrogenismo (acne, irsutismo, alopecia) e alterate concentrazioni di ormone luteinizzante (LH)

- Morfologiche: presenza di cisti ovariche.

E’ spesso associata ad aumento di peso, infertilità, aborti ricorrenti e insulino-resistenza (con conseguente iperinsulinemia).

E’ una condizione che influisce negativamente sulla qualità di vita, evidenziando a livello psicologico un possibile aumento dello stato d’ansia e insorgenza di depressione.




L’alimentazione nella PCOS


L’alimentazione, insieme l’attività fisica, rientrano tra i fattori modificabili che mirano al miglioramento della qualità della vita, della resistenza insulinica e delle funzioni metaboliche e riproduttive nelle donne affette da PCOS.

Un ruolo importante è dato dalla qualità e quantità di carboidrati introdotti con la dieta. Meno carboidrati e scegliendo quelli ricchi di fibre, riducono i livelli di glucosio dopo i pasti e aumentano il senso di sazietà. In alcuni casi la restrizione calorica è fondamentale per la perdita di peso, così come la scelta di alcune strategie nutrizionali (es. low carb, chetogenica). Importante anche la relazione che si sta studiando tra i disturbi del microbiota intestinale e PCOS. Tali studi suggeriscono che alterazioni del microbiota intestinale sono coinvolti nello sviluppo dell’insulino-resistenza e disturbi mestruali nelle pazienti con PCOS.



Cosa introdurre e cosa limitare?


Evidenziamo il fatto che, nella letteratura scientifica, non è descritta nessuna alimentazione specifica per la PCOS, ma solo gruppi di alimenti che agiscono sull’insulino-resistenza, sul benessere del microbiota intestinale e sulla perdita di peso. In generale, tra i consigli si trovano:

  1. Aumentare l’apporto di fibra, come frutta, verdura, legumi e cereali integrali

  2. Aumentare l’apporto di PUFA (omega 3 e omega 6), come pesce, semi oleosi, legumi, noci, mandorle, avocado

  3. Aumentare l’apporto di grassi mono e polinsaturi, come l’olio extravergine d’oliva

  4. Ridurre l’apporto di carboidrati ad alto indice glicemico

  5. Limitare il consumo di zuccheri, sale e grassi saturi

Inoltre, sostanze naturali come l'Aloe vera, cannella, tè verde, berberina e fieno greco possono essere utilizzate a supporto per PCOS.

E’ bene sempre affidarsi ad un professionista della nutrizione.



Fonti:

- The Role of medicinal herbs in treatment of insulin resistance in patients with Polycystic Ovary Syndrome: A literature review. Fatemeh Ashkar, Shahla Rezaei, Sara Salahshoornezhad, Farhad Vahid, Maryam Gholamalizadeh, Samaneh Mirzaei Dahka, Saeid Doaei. BioMol Concepts 2020


- Diet and lifestyle modifications for effective management of polycystic ovarian syndrome (PCOS). A review. Rimsha Shahid, Iahtisham-Ul-Haq, Mahnoor, Kanza Aziz Awan, Muhammad Jawad Iqbal, Hussan Munir, Iqra Saeed. Food Biochemistry 2022.


- Polycystic Ovary Syndrome in Insulin-Resistant Adolescents with Obesity: The Role of Nutrition Therapy and Food Supplements as a Strategy to Protect Fertility. A review. Valeria Calcaterra , Elvira Verduci , Hellas Cena, Vittoria Carlotta Magenes, Carolina Federica Todisco, Elisavietta Tenuta, Cristina Gregorio, Rachele De Giuseppe, Alessandra Bosetti, Elisabetta Di Profio and Gianvincenzo Zuccotti. Nutrients 2021.




14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page